Lo spirito e l'isola

Archivio per la categoria “Lo spirito e l’isola”

La copertina finalmente!

ebook---Lo-spirito-e-l'isola4

Annunci

Incipit

editing_lg

Quando ho iniziato a scrivere “Lo spirito e l’isola”, sono partito dal prologo, in cui si racconta l’origine della prima tavola Ouija, ideata e realizzata (almeno secondo la mia teoria) da Ernest Christian Reiche e a cui fu poi rubata da Charles Kennard.

Sapevo che questo non poteva essere un incipit adeguato e poche settimane dopo (siamo nell’Agosto del 2013) ho cominciato a scrivere quello che avrebbe dovuto essere il vero incipit del libro. Per lo più era un incipit “autobiografico”, in cui ho ripercorso a memoria un dialogo avvenuto qualche anno prima. Per tre anni l’ho revisionato, cambiato, migliorato, cesellando ogni parola. Man mano però che continuavo a scrivere le pagine del romanzo, mi rendevo conto che, sebbene quell’incipit mi piacesse, non era quello adeguato al romanzo: un lettore che avesse aperto la prima pagina del mio libro l’avrebbe lasciato lì perché non avrebbe risvegliato in lui nessun tipo di curiosità. Continua a leggere…

Ouija e pizza

ouija
Dopo più di 100 anni, la tavola Ouija, continua a far parlare di sé. Si tratta di una semplice tavola di legno, con stampigliati lettere e numeri ma è sempre in grado di far comunicare il suo possessore con l’aldilà ed evocare gli spiriti. L’avete mai provata?
Oggi ho scoperto che una catena di pizzerie ha deciso di creare scatole della pizza con stampata una tavola Ouija e usare una fetta di pizza a mo’ di planchette. La trovo un’idea geniale.
Continua a leggere…

In prima o in terza persona?

058-painting-in-films-theredlist

Due anni fa, quando ho cominciato a scrivere Lo spirito e l’isola, senza neanche pensarci un secondo, ho iniziato subito a scrivere il libro in terza persona. Ho sempre preferito i libri scritti in questo modo, dove l’autore è onnisciente.
Nelle ultime settimane però, dopo aver letto diversi libri (Uno tra tutti: Shantaram) scritti in prima persona, ho cambiato idea e ho cominciato a riscrivere tutto. Ebbene sì. Non so quanto tempo mi ci vorrà, ma chissà quanti si sono già trovati nella mia situazione: quella in cui, con un libro scritto al 90%, ci si accorge che, come diceva Gino Bartali “Gli è tutto da rifare”. Ma io non ho fretta e  pubblicherò il mio libro quando sarò convinto che non vi saranno più modifiche da apportare.

Continua a leggere…

Perchè lo spirito, perchè l’isola

“Lo spirito e l’isola” è il titolo del libro che sto scrivendo e di cui questo blog vorrebbe essere un po’ il mio “On writing“, il libro autobiografico di Stephen King. Sono ormai 2 anni che ci lavoro. Per sapere di più sullo spirito, bisognerà leggere il libro. Nel frattempo è possibile leggere la trama. Continua a leggere…

Navigazione articolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: